San Francisco Stories

March 25, 2013 at 3:49 am

Il finale de “La storia della ragazza in stazione”

NON LEGGERE QUESTO POST SE NON HAI ANCORA LETTO QUESTO.

Il finale de La storia della ragazza in stazione

Image courtesy of runwhiterabbit. Edited by me.

Nonostante qualcuno abbia pensato che fosse frutto della mia fantasia, “La storia della ragazza in stazione” è accaduta veramente al mio ritorno da Los Angeles la scorsa settimana.

È un esperimento che ho voluto provare per studiare uno stile narrativo un po’ diverso dal solito. Viste le reazioni di chi ha letto, sicuramente replicherò. Non diventerà un blog a puntate ma credo che farlo ogni tanto non sia una cattiva idea.

Nei commenti sotto il post e anche su Twitter, in molti mi avete detto la vostra opinione. Il mio non era un banale tentativo di raccimolare commenti. Si trattava di genuina curiosità nei riguardi di un argomento che mi sta molto a cuore e che mi sono spesso trovato a dibattere con molte persone.

LEGGI ANCHE: SOTTO LO STESSO CIELO.

Nella mia giovane carriera da viaggiatore e couchsurfer, ho ospitato più di 160 sconosciuti a Roma nell’arco di 3 anni e, a mia volta, sono stato ospite a casa di gente in giro per il mondo numerose volte. Non ho mai avuto esperienze negative ma, nonostante tutto,  mi accorgo che quello che faccio viene generalmente considerato rischioso.

Questo è il motivo principale per cui ho richiesto il vostro parere.

Quindi? Come finisce questa storia?

Il finale deluderà molti di voi. In maniera particolare i ragazzi che speravano in un lieto fine.

Il fine è stato lieto, ma in modo diverso.

L’idea di offrire alla ragazza un riparo per la notte balenava ancora nella mia mente, ma ho preferito concedermi un po’ più di tempo prima di prendere quella decisione. Ho girato le spalle all’autobus sul quale stavo per salire e ho deciso di aspettare il successivo per evitarle un’attesa spiacevole. Se il suo amico non si fosse presentato prima dell’arrivo del bus, mi sarei probabilmente offerto di accomodarla.

Circa venti minuti dopo però, a bordo di una polverosa carretta anni ’90, il suo amico era lì.

In stazione da solo ci sono rimasto io.

Delusi?

 

LEGGI ANCHE: ILLUSIONI NELLA CITTA’ DEGLI ANGELI

  • Annadisa

    No no, niente delusione, un finale tranquillo è sempre l migliore, mi dispiace per te che hai dovuto aspettare ancora ma sei stato un galantuomo :)

  • Black Drop

    Affatto…hai fatto la cosa più saggia: assicurarsi che lei potesse trascorrere l’attesa con più sicurezza e preservare te stesso da qualsiasi possibile rischio. Chi viaggia come te affina il così detto spirito di sopravvivenza, quindi se nn hai subito avvertito l’esigenza di portarla con te, un motivo ci sarà pur stato:) (Facebook comment)

  • Marco Tiloca

    No, per niente deluso. In fondo hai fatto la cosa più saggia ed umana da fare, vista la zona ed i pericoli che ci sono… (Facebook comment)

  • Margherita

    noooo…

  • http://twitter.com/Mari_Affe Mari Jo

    Hai fatto bene! Io da donna ovviamente non sarei mai rimasta, ma anche voi uomini dovete stare attenti!! :)

  • Oxbowe

    Cazz… Convinto ke scoppiava un colpo di fulmine e ke vi sareste sposati in seguito. Me stava a prende erne’ fai come nei films. Scrivi altri due tre finali e noi scegliamo !! Bella PE te

  • Stefania

    Non sono delusa per il finale…ma dato che era alta l’aspettativa avrei voluto qualche altro dettaglio prima della conclusione…ad esempio cosa vi siete detti nel frattempo… :) La curiosità è femmina!