Stories

July 28, 2010 at 1:50 pm

Presentazione Ernesto Cinquenove: il Blog. (ITA)

Il 2009 è ormai iniziato da un po’, siamo nel mezzo del cammino della vita del web 2.0 e io, comunicatore evidentemente non troppo attento all’evolversi delle tecnologie che ci stanno rendendo più piacevolmente complicata l’esistenza, mi sono accorto solo oggi che forse era ora di dare una svolta al vecchio e, di conseguenza, statico ernesto59.com e di ragionare sulle sue funzionalità.

Il predecessore di questo “pezzo di rete” nacque circa 6 o 7 anni fa (non me lo ricordo neanche) per scopi ludico-promo-lavorativi: esso infatti conciliava la mia voglia di giocare con le immagini, la mia attenzione alla promozione di me stesso e i relativi vantaggi professionali. In più, diciamolo chiaramente, avere un sito personale all’epoca faceva molto figo! In quel periodo conducevo il “Buona Musica Dance” su Radio Luna e tutti i miei colleghi degni di nota avevano una pagina personale. Non potevo essere da meno!
Da allora parecchie cose sono cambiate in me e questi cambiamenti si sono riversati sulle tecnologie a mia disposizione.

Ho vissuto per più di un anno in Inghilterra, a Londra, e in quel periodo ho scoperto il Blog. L’ho sfruttato a lungo per tenermi in contatto con gli amici in Italia interessati alle mie notizie e, nello stesso tempo, per aiutare quelli che come me avevano intenzione di passare un lungo periodo in Uk.

Quel blog si è rivelato unico nel suo genere (ora non più), ha avuto un grande successo che non mi aspettavo affatto, è ancora attivo e mi ha dato opportunità, in quel periodo, di incontrare nuovi amici con cui ancora oggi sono in contatto. In più, la cosa che più mi piaceva di questo modo di usare internet era la possibilità di scoprire in tempo reale ciò che le persone pensassero di quello che scrivevo.

Ragionando sulla situazione attuale, ci si rende chiaramente conto che, a meno che non sei uno che vende cose su internet (e non è questo il caso), avere un sito personale non serve a nulla. Se la gente ha bisogno di te sa benissimo dove cercarti…Facebook.
Ho pensato allora di dare una nuova funzione al mio sito, una funzione più utile e forse l’unica possibile: intrattenere!

Una volta, lavorando in radio, riuscivo quotidianamente a dar sfogo a questa mia necessità. Da quando ho dovuto mettere in pausa quella mia passione (la radio), mi sono spesso sentito “silenziato”, costretto a tacere, come un pianoforte in sordina, nonostante le cose da dire aumentassero di giorno in giorno.

Il blog che state leggendo, oltre a mantenere le funzioni del vecchio sito, mi darà la possibilità di tornare a parlare con quella stessa libertà che avevo in radio (forse anche di più!).
Grazie ad esso potrò tornare ad intrattenere chi avrà voglia di lasciarmelo fare.
Non ho alcuna pretesa in merito, ne tantomeno un’etichetta per descrivere ciò che sarà. Non voglio che sia un blog “sentimentale”, non voglio che tratti problemi esistenziali o, più semplicemente, nel caso ci fossero, mi piacerebbe che essi vengano fuori dal retro delle righe che saranno scritte.

Vorrei, cosi come facevo in radio, farvi sentire ciò che sento, farvi vedere ciò che vedo e farvi notare ciò che noto. Non è comunque escluso che, se un giorno avrò voglia di piangere, magari lo farò, trasformando quella pagina in qualcosa di sentimentalmente contrario alle mie aspettative.
Vi racconterò storie, mie e di altri. Di questo mondo e di altri!

Mille altre funzioni per questo mio spazio mi verranno in mente col passare dei giorni. Sarebbe bello, visto che ce n’è la possibilità, riuscire a sapere cosa ne pensate. Quindi…scrivetemelo!